.
Annunci online

Santilli [ La democrazia delle idee ]
 




IPSE DIXIT

Robert F. Kennedy
"Alcuni uomini vedono le cose per quello che sono state e ne spiegano il perchè. Io sogno cose che ancora devono venire e mi chiedo: perchè no."

Alcide De Gasperi
"Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione."


Claes in "L'Apprendista delle Fiandre" di D. Dunnett
"Sarete sorpresa signora. Penso di aver paura del ridicolo."


STO LEGGENDO:

Il resto di niente  di Enzo Striano

La misura del mondo di Daniel Kehlmann


VI CONSIGLIO

L'apprendista delle Fiandre  Dorothy Dunnett

Piazza Fontana. La verità su una strageLaurent Frederic, Calvi Fabrizio

Sovranità limitata. Storia dell'eversione atlantica in Italia. Cipriani Antonio e Gianni

Il partito del golpe  Gianni Flamini.

Gomorra  Roberto Saviano


I  MIEI  LINK


Parito Democratico Roma


Laicità e Civismo 


Obama Italian Supporters

Kilombo

Archivio '900

Dalla publbicità alla cultura


Gianluca Santilli web site


Barack Obama


Libera


28 agosto 2009


NASCE IL COMITATO SESTO MUNICIPIO PER BERSANI





E' nato il Comitato Sesto per Bersani Segretario del PD. La sua sede è in via Valentino Banal 23/A e si  occuperà di coordinare le inziative politiche sul territorio del Sesto Municipio per i sostenitori della mozione Bersani. E' ovvio che si tratta di un gruppo in via di formazione e che non ha alcuna pretesa di "direzione". Si tratta di un gruppo di volenterosi che sta gettando le basi per costruire qualcosa.  

il nostro BLOG è http://sestoperbersani.ilcannocchiale.it

la nostra mail, per chiunque vorrà contattarci è:
sestoperbersani@gmail.com

I nostri telefoni sono:

338.2341119
335.8294104
335.1360076
348.8290636


26 agosto 2009


ROMA: SANTILLI (PD), ATTACCO A QUBE SEGNO INCONFONDIBILE DI FRANGE ESTREME = OPPORTUNO APPROVARE LEGGE CONTRO OMOFOBIA

ROMA: SANTILLI (PD), ATTACCO A QUBE SEGNO INCONFONDIBILE DI FRANGE ESTREME = 'OPPORTUNO APPROVARE LEGGE CONTRO OMOFOBIÀ Roma, 26 ago. - (Adnkronos) - «I vili attacchi di questi mesi a persone omossessuali e l'attentato incendiario al Qube sono segnali inconfondibili di una deriva violenta proveniente da frange estreme, come dimostra anche il soprannome 'svastichellà dell'aggressore della scorsa notte, nei confronti della comunità Glbt». Lo dichiara Gianluca Santilli, membro dell'esecutivo del Pd di Roma. «È necessario un intervento unitario da parte delle istituzioni, delle società civile e delle associazioni per debellare un nuovo germe di razzismo». «Si approvi immediatamente - aggiunge Santilli - la proposta di legge contro l'omofobia, invece di aprire guerriglie demagogiche a mezzo di giornali tra organi politici e guidiziari che creano solo confusione, si promuovano interventi culturali e sociali, si dia vita ad un osservatorio speciale sui fenomeni di omofobia senza trascurare ogni tipo di violenza. Soprattutto si prendano le distanze con chiarezza e senza equivoci, con i fatti e non solo a parole». «Per questo inviterei il Sindaco Alemanno il prossimo anno a concedere il patrocinio al Gay Pride, cosa che non è accaduta nei mesi scorsi, ed evitare magari di patrocinare e finanziare associazioni di estrema destra come Casapound», conclude. (Scp/Ct/Adnkronos) 26-AGO-09 17:09


24 agosto 2009


GAY AGGREDITI: SANTILLI (PD), GRAVE GESTO INTOLLERANZA

Gravissimo gesto di intolleranza a Roma nei confronti di due omosessuali consumato nell'indifferenza dei presenti. Roma cambia, in peggio.



GAY AGGREDITI: SANTILLI (PD), GRAVE GESTO INTOLLERANZA (ANSA) - ROMA, 22 AGO - «Un grave gesto di intolleranza che trova terreno fertile nella cultura dell'odio del diverso». Lo afferma, in una nota, Gianluca Santilli, membro dell'esecutivo del Pd di Roma. «Una cultura che come città - aggiunge - dobbiamo respingere mediante interventi culturali e sociali per far sì che atti di violenza del genere non si ripetano, in quest'ottica credo sarebbe auspicabile che il Comune di roma si costituisse parte civile nel procedimento giudiziario affianco alle comunità glbt della capitale». «Voglio esprimere infine solidarietà - conclude - ai due ragazzi e ringraziare le forze dell'ordine per il tempestivo intervento».»  

23 AGOSTO "È assurdo che la violenza di ieri ai due ragazzi gay si è avvenuta nella totale indifferenza della maggior parte dei presenti. Oltre ad indignarci per l'atroce atto sarebbe il caso di chiederci in che società stiamo vivendo. Invece di ronde oggi sono ancora più convinto che abbiamo bisogno di realizzare interventi sociali e culturali nella nostra città contrastando senza se e senza ma chi diffonde la cultura dell'odio" ha affermato Gianluca Santilli, membro dell'Esecutivo del Pd di Roma.


19 agosto 2009


BANDAJORONA IN CONCERTO

La mitica BandaJorona dal Pigneto in concerto a Filacciano!
Le canzoni della malavita romana, le canzoni che ognuno di noi ha nel cuore perchè chi nasce a Roma resta inevitabilmente permeato dallo spirito della sua Città. Uno spirito che nel tempo si è espresso con mille modalità e con scenografie differenti, dalle mura dipinte delle osterie alle celle delle carceri cittadine, dai luoghi del turismo più becero ai palazzi di borgata, dai teatri risorti ai tinelli piccolo-borghesi.

Epoche diverse, contesti e contenuti differenti, un popolo in continua trasformazione, che sa inglobare il diverso e mantenersi sé stesso: questo è il magma da cui BandaJorona fa emergere canti, melodie, “fattacci” narrati come gesta epiche, prese in giro del potere, canzoni romantiche e piene di nostalgia per qualcosa che, irrimediabilmente, va fuggendo.

Un viaggio nella musica e nelle storie d'amore, carcere e coltello, espresso con la vena sanguigna e romantica della città di Roma, ma anche richiamando alla memoria, per la musica laziale, la straordinaria testimonianza di Graziella Di Prospero.
 



18 agosto 2009


ESTATE FILACCIANESE 2009

Al via l'Estate Filaccianese 2009: a partire dal 18 agosto e fino al 2 settembre, tutte le sere manifestazioni in piazza per il rilancio dell'identità culturale del paese. Si parte il 18 Agosto con il primo di una serie di concerti che vedranno protagonisti la musica popolare e folk. Il Coro Venturini di Tagliacozzo si esibirà a partire dalle ore 21 sul palco centrale. Il 19, 20 e 21 proiezioni di film in piazza. Il giorno 22 è la volta degli artisti di strada e delle cantine aperte. Si mangeranno, nei vicoli del paese, specialità gastronomiche locali mentre il gicoliere Leo Marameo, il trampoliere Otello ed il mago Gino Lanzieri si esibiranno per le vie. Il giorno 23, alle ore 18, una manifestazione molto vicina agli abitanti della Valle del Tevere, un gimkana in loc. La Botte con cavalli maremmani ed arabi, mentre alle 22, sul palco centrale, si esibirà l'ottimo quintetto della BandaJorona con musiche popolari romanesce e canti della malavita romana. Le iniziative proseguiranno i giorni 24, 25, 26 e 27 con la proiezione di film mentre il giorno 28 avranno inizio i festeggiamenti in onore del patrono del paese, S.Egidio, che termineranno il giorno 2 settembre. "Intendiamo rilanciare con forza le attività culturali a Filacciano, certi che questa sia la strada giusta per consentire lo sviluppo del paese e dell'intera area della Valle del Tevere. Proseguiremo il nostro lavoro iniziato con questa Estate in collaborazione con la Provincia di Roma e con la Regione Lazio che ci hanno consentito di realizzare questi eventi. Vogliamo dare un nuovo impulso alle tradizioni locali, in collaborazione con i Comuni limitrofi, avendo la certezza che di qui passi un efficace rilancio della nostra zona." A dichiararlo, in una nota congiunta, il Sindaco di Filacciano, Giovanni Falpo e l'Assessore alle Politiche Culturali, Gianluca Santilli.

Ufficio Stampa Comune di Filacciano
uffstampacomunefilacciano@gmail.com


Sindaco Giovanni Falpo 335.6238547
Assessore Gianluca Santilli 338.2341119

  • 18 agosto, ore 21.30: spettacolo folk con il Coro Venturini di Tagliacozzo;
  • 19, 20 e 21 agosto, ore 21.30: proiezione di film in piazza:

Le Crociate - Garfield 2 - X Men 2

  • 22 agosto, ore 18.00: artisti di strada per le vie del paese:
  • 22 agosto, ore 20.00: Gastronomia : “Cantine aperte e lampioni accesi per riscoprire i sapori filaccianesi”;
  • 23 agosto, ore 18.00: Gimkana equestre e rodeo dei butteri in località “La Botte”;
  • 23 agosto, ore 22.00: spettacolo musicale con la “BandaJorona” dal Pigneto in concerto;
  • 24, 25, 26 e 27 agosto, ore 21.30: proiezione di film in piazza: Il profumo del mosto selvatico (Alfonso Arau) - Burn After Reading (fratelli Coen) - Non è un paese per vecchi (fratelli Coen)
  • 29 agosto, ore 21.30: spettacolo di varietà con il gruppo “Piazza di Spagna”;
  • 30 agosto, ore 21.30: gara di karaoke;
  • 31 agosto, ore 20.00: solenne processione per le vie del paese;
  • 31 agosto, ore 21.30: spettacolo pirotecnico in piazza Umberto I;
  • 31 agosto, ore 22.00: spettacolo di varietà con il trio “Liscio”;
  • 1 settembre, ore 11.00: solenne processione per le vie del paese;
  • 1 settembre, ore 17.00: spettacolo per bambini;
  • 1 settembre, ore 22.00: spettacolo di varietà con “Martufello” e il suo gruppo;
  • 2 settembre, ore 11.00: solenne processione per le vie del paese;
  • 2 settembre, ore 22.00: spettacolo di varietà con un gruppo cover di Renato Zero.


5 agosto 2009


SALUTI DA ROMA - I CAMION-BAR DEL CENTRO STORICO - 1^ PUNTATA

Ieri sera ho fatto due passi su via dei Fori Imperiali. A parte il caos dovuto ai lavori (necessari) di risistemazione della pavimentazione, sono rimasto sbalordito da un fenomeno che, a giudicare dalle roboanti dichiarazioni elettorali di Alemanno, credevo in via di estinzione.
Già qualche mese or sono (era Natale) mi chiedevo in un’altra nota, che fine avesse fatto il “piano del commercio su aree pubbliche” del Comune di Roma. Così come mi chiedevo che fine avessero fatto gli urlanti titoloni de “Il Messaggero” che invocavano “la città delle regole” chiedendo la testa dell’Assessore al Commercio.
Allora non ricevetti alcuna risposta. Probabilmente, mi sono detto, l’Assessore BORDONI ed il Sindaco ALEMANNO saranno talmente presi dal lavoro di riscrittura di quel “piano” che non avranno avuto il tempo di rispondere. Così non ho insistito. In fondo sono lì solo da sei mesi.
Anche al “Il Messaggero” devono aver pensato la stessa cosa.
Adesso è passato più di un anno ed è tempo di denunciare cosa accade a Roma, in pieno centro, sotto al Campidoglio, in materia di commercio su aree pubbliche e in sede fissa.
Tornando quindi a ieri sera, è stato veramente divertente osservare gli slalom dei turisti fra le transenne dei lavori ed i camion-bar (per la maggior parte gestiti da una nota famiglia romana) parcheggiati vicino ai monumenti.
Bellissimo ed edificante vedere ben 4, dico 4, di questi orribili camion parcati in soli 800 metri, da Piazza Venezia al Colosseo. Uno davanti alla colonna che indica via dei Fori Imperiali, uno a piazza Venezia, davanti alla Colonna Traiana, uno a metà percorso e, dulcis in fundo, uno davanti al Colosseo, nei pressi dell’accesso alla Basilica di Santa Francesca Romana. E questi sono solo quelli di questo breve tratto, ma ve ne sono altri, molti altri.
Ora, capisco che ad Agosto molti giornalisti sono sicuramente in ferie, ma il sindaco ALEMANNO e l’Assessore BORDONI non passano mai per via dei Fori Imperiali? E loro, di grazia, non si indignano profondamente nel vedere questi orribili camioncini parcheggiati nei pressi dei monumenti più belli del mondo?
Davvero non è possibile varare un nuovo “piano del commercio su aree pubbliche” che faccia letteralmente sparire quei camion dalle vicinanze dei monumenti? Che fine ha fatto quello approntato nella scorsa consiliatura di concerto con le soprintendenze?
Davvero non li ha notati nessuno questi camioncini?
Può darsi. Allora ho deciso di aiutare il Sindaco, l’Assessore al Commercio e la Giunta tutta.
Come? Con delle bellissime cartoline come quelle riportate di seguito a questa nota.
“Saluti da Roma”, come si faceva una volta, prima dell’avvento della posta elettronica.
Queste sono le prime 5. Mi scuseranno per la qualità delle immagini ma avevo solo il cellulare con me e la luce era scarsa. Per il futuro mi munirò di fotocamera e per le prossime puntate vi fornirò del materiale di qualità. Già perché ve ne saranno altre di puntate. Vi parlerò della nascita di centri commerciali nel Centro Storico, della trasformazione di un cinema in area commerciale e di molto altro. Con tanto di foto.
Così nessuno potrà dire di non aver visto.
Gianluca Santilli
 


3 agosto 2009


ROMA CHIEDE UNA SVOLTA

Cari amici,
vi segnalo un interessante articolo del Cons.Giulio Pelonzi dal titolo "Roma chiede una svolta", avente per oggetto la realtà romana del PD nella fase precongressuale, pubblicato dal quotidiano EUROPA, sabato 1 agosto 2009.



La lettura della realtà fornita dal direttore nel suo editoriale “Roma, dal miracolo all’incubo” non è conforme a quanto – da consigliere comunale – percepisco stia accadendo a Roma.
Il punto di partenza dell’analisi è condivisibile.
“La fusione è un valore”. Se lo è mi chiedo perché è giudicato negativamente chi ha il coraggio di lasciare le aree di provenienza per gettare davvero le basi di un nuovo partito? Il valore delle contaminazioni e il ricambio della classe dirigente dal basso non deve e non può essere letto come lotta di potere.
Oltre il danno anche la beffa: essere additati prima come la causa del fallimento di un progetto e poi come dei “traditori”.
Il flop elettorale ha come causa la crisi e la decadenza del modello Roma che è imputabile a molti elementi non identificabili solo nella figura del candidato a sindaco o nell’abbandono di Veltroni – percepito erroneamente come tradimento dai cittadini – e neanche però nella considerazione che il Pd di Roma «sia nel suo insieme un partito condizionato dalle logiche di potere», visto che fino ad oggi è stato gestito direttamente dal livello nazionale.
È proprio la mancanza di autonomia decisionale che ha portato i gruppi dirigenti romani che vedono nel Pd disegnato come partito federale, radicato nei territori e nella selezione della classe dirigente dal basso, un’occasione per mettersi in gioco e per ricostruire quei punti di forza che per molti anni ci hanno fatto governare la città di Roma. Sono queste considerazioni, tutte politiche, che si ritrovano nella mozione Bersani, a spingere un gruppo dirigente, finora schiacciato da logiche di potere, a liberarsene.
Oggi è la città tutta che rifiuta quelle leadership e quei modelli e che ci sta chiedendo il cambiamento che stiamo attuando.
L’efficacia della nostra azione di opposizione al sindaco Alemanno può sicuramente essere migliorata a patto che sia raggiunta una piena autonomia della classe dirigente romana rispetto ai programmi e ai progetti ereditati dal passato, oggi non più condivisi, e che si organizzi un partito in grado di portare fuori dall’aula Giulio Cesare, nelle piazze e nelle strade della città, le battaglie che da istituzionali devono diventare sociali.
Credo fortemente che la politica di prossimità sia l’elemento determinante per la ripresa del partito a Roma e per alimentarla bisogna dare nuova forza al sistema dei circoli e maggiore dignità alla figura dei militanti.
Luoghi e persone che rappresentano il partito tutto e che esistono a prescindere dal circuito dei media. A loro spetta una prima elaborazione dei problemi legati ai territori perché li vivono quotidianamente.
A loro deve essere garantito il diritto di scegliere chi li rappresenta, senza trovarsi di fronte a chi “viene calato dall’alto”.
Spetta a queste persone il coraggio del cambiamento e il compito di disegnare il nuovo Partito democratico del futuro.
Auspico che si formi nel tempo una nuova area culturale e una nuova classe dirigente, non sulla base di filiere più o meno nobili, ma su un nuovo progetto per la città che, dalle ceneri del modello Roma, alimenti il fuoco dell’opposizione ad una destra che rischia di portare la città ad un nuovo Medioevo.

Giulio Pelonzi*

*consigliere comunale del Pd di Roma
 

sfoglia     luglio        settembre