.
Annunci online

Santilli [ La democrazia delle idee ]
 




IPSE DIXIT

Robert F. Kennedy
"Alcuni uomini vedono le cose per quello che sono state e ne spiegano il perchè. Io sogno cose che ancora devono venire e mi chiedo: perchè no."

Alcide De Gasperi
"Un politico guarda alle prossime elezioni. Uno statista guarda alla prossima generazione."


Claes in "L'Apprendista delle Fiandre" di D. Dunnett
"Sarete sorpresa signora. Penso di aver paura del ridicolo."


STO LEGGENDO:

Il resto di niente  di Enzo Striano

La misura del mondo di Daniel Kehlmann


VI CONSIGLIO

L'apprendista delle Fiandre  Dorothy Dunnett

Piazza Fontana. La verità su una strageLaurent Frederic, Calvi Fabrizio

Sovranità limitata. Storia dell'eversione atlantica in Italia. Cipriani Antonio e Gianni

Il partito del golpe  Gianni Flamini.

Gomorra  Roberto Saviano


I  MIEI  LINK


Parito Democratico Roma


Laicità e Civismo 


Obama Italian Supporters

Kilombo

Archivio '900

Dalla publbicità alla cultura


Gianluca Santilli web site


Barack Obama


Libera


21 ottobre 2010


ENEA- CASACCIA: RIACCESI I REATTORI NUCLEARI A ROMA

 Il Centro di Ricerche Enea Casaccia (fra Roma e Frascati), in occasione dei suoi 50 anni di attività ha ri-acceso due vecchi reattori nucleari, TRIGA e TAPIRO, costruiti negli anni ’70 ed ancora efficienti. In realtà questi reattori non sono mai stati spenti completamente ma solo messi a riposo ed utilizzati per altre sperimentazioni di carattere medico-scientifico. Da oggi però presso la Centrale ENEA alla Casaccia, già tristemente famosa per contenere 6.300 metri cubi di scorie radioattive (uranio,i plutonio ed altri derivati), i due vetusti reattori torneranno a funzionare a pieno regime e diventeranno il centro della sperimentazione nazionale per la riapertura delle centrali nucleari in Italia, così come vuole il Governo Berlusconi che, proprio  in questi giorni sembra che stia facendo particolarmente pressione nel voler riprendere quella strada interrotta dal referendum del 1987.

Quindi i due reattori, da oggi in “fase critica”, verranno utilizzati per delle sperimentazioni che consentiranno  di "adattare alla realtà italiana i reattori nucleari di terza generazione del tipo Epr che il governo intende realizzare", come riportato in queste ore dall’agenzia ANSA. L’ENEA ha fatto sapere in una nota che i due reattori TRIGA e TAPIRO torneranno a funzionare a pieno ritmo nell’ambito "del rinnovato impegno dell'Agenzia Enea nel fornire, in sintonia con le decisioni del governo in materia energetica, sostegno tecnico e scientifico alla crescita delle capacità e delle competenze del mondo industriale nazionale".
Praticamente, senza consultare nessuno, senza preavviso, senza alcuna legge passata nei due rami del Parlamento, senza ascoltare le voci di chi mette in guardia da un pericoloso ritorno al passato, il programma nucleare italiano è ripartito ed è da oggi in fase di sperimentazione, qui, a pochi chilometri dalla Capitale.
Tristemente, a presenziare con proteste alla riaccensione dei reattori i soli Verdi.

Gianluca Santilli 

sfoglia     settembre